Milano (askanews) - Prossima fermata aprile 2015, in tempo per l'Expo: è questa la data ultima di consegna delle prime 5 nuove stazioni della linea 5 della Metropolitana di Milano che, una volta terminata del tutto - a ottobre 2015 con altre 5 stazioni per un totale di 19 - taglierà la città in diagonale dal quartiere nord Bignami allo stadio di San Siro, intersecando la linea verde a Garibaldi e la Rossa a Lotto, dove abbiamo visitato il cantiere. Davide Corritore è il presidente di Metro Milano."È una linea importante - ha spiegato - che intercetta una fermata importante: Lotto che è uno snodo di trasporto fondamentale per la città perché incrocia la linea rossa che è la più importante e poi è anche una festa perché quando si è così vicini alla fine di un'opera e si è pronti a inaugurarla, per chi ha scavato, lavorato e progettato prima ovviamente è una fonte di grande soddisfazione".La nuova metro 5 di Milano rappresenta anche un esempio di alta tecnologia: i vagoni sono interamente robotizzati in grado di portare i passeggeri da una parte all'altra della città in modo completamente automatico. Stefano Cetti, direttore generale di Metro Milano."È senza pilota anche questa, è una driverless, quindi una metropolitana automatica, all'avanguardia tecnologica e rappresenta lo sviluppo e il futuro del trasporto pubblico su ferro, interrato, per quanto riguarda l'evoluzione tecnologica non solo italiana ma europea".Soddisfatto anche il comune di Milano che ha registrato un netto incremento del numero di passeggeri come ha fatto notare l'assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran."Il dato è importante è qualificante - ha detto - pensiamo che da quando è stata aperta la stazione di Garibaldi, 8 mesi fa, i passeggeri sono cresciuti del 20% e crescono di settimana in settimana. Segno che i cittadini hanno bisogni di mesi, , forse ann per abituarsi alle nuove infrastrutture, poi però quando ci sono le usano e le usano eccome".