Roma, (TMNews) - Il Messico si prepara a riformare il suo codice di famiglia innalzando l'età minima per il matrimonio a 18 anni. Attualmente il codice civile, varato nel 1928, stabilisce per i maschi un'età minima di 16 anni, per le ragazze di appena 14 anni.Il disegno di legge sottolinea che "i matrimoni infantili o tra adolescenti pregiudicano o impediscono lo sviluppo equilibrato dei bambini. In accordo con l'Onu, questo tipo di matrimoni viola i diritti umani, indipendentemente dal sesso della persona coinvolta".Secondo i dati 2013 dell'Istituto nazionale di statistica, in Messico vivono 19,8 milioni di minorenni, di cui 4,5 milioni, pari al 23%, sono sposati. Le statistiche mostrano anche che ben 55.200 bambine si sono sposate prima di compiere 15 anni. Il Messico è il paese con il tasso di gravidanze più alto tra i 15 e i 19 anni, secondo lo Stato della popolazione mondiale 2013 dell'Onu.In Italia è possibile sposarsi prima dei 18 anni solo con un autorizzazione concessa dal Tribunale per i Minorenni a quanti abbiano compiuto i 16 anni di età.