Madrid, (TMNews) - Una messa domenicale all'aperto per celebrare la Sacra famiglia. I fedeli si sono radunati in Plaza de Colon a Madrid per assistere al rito e dimostrare il sostegno al governo conservatore di Mariano Rajoy che ha approvato una riforma restrittiva della legge sull'aborto, annullando la legge voluta dal governo socialista nel 2010 che permetteva l'interruzione di gravidanza senza restrizioni nelle prime 14 settimane. Il nuovo testo autorizza l'aborto solo in caso di stupro e di minaccia per la salute della madre."Non è una conquista nè una battaglia, si tratta di difendere la dignità delle persone, la vita di chi non è nato e rispettare la vita che non appartiene a noi ma a Dio" dice Fredy, manifestante anti-aborto."E' una piccola vittoria, ma non si deroga alla legge dunque si continua a non proteggere la vita. È molto importante che sia protetta sin dal concepimento" aggiunge Maria Victoria.Il nuovo sistema riporta la Spagna al 1985, con la differenza che l'aborto non è più reato passibile di prigione. Secondo un sondaggio sul quotidiano El Pais il 46% degli spagnoli è favorevole alla legge del 2010, il 41% vuole limitare le interruzioni di gravidanza. La legge deve essere approvata dal Parlamento, dove il Partito popolare ha la maggioranza assoluta.(immagini Afp)