Roma, (askanews) - "Siccome abbiamo sentito che già si parla di risarcimenti danni a 360 gradi, se abbiamo in mente la responsabilità civile nei confronti dei magistrati, se vogliamo frustare qualcuno, ecc... La risposta è che non ci sono sentimenti di vendetta nell'animo di Raffaele Sollecito e quindi si aspetterà la motivazione per qualsiasi approfondimento, ma non esiste il concetto che c'è se c'è un giudice che condanna e poi si assolve allora noi facciamo l'azione di responsabilità civile contro chi ha sbagliato, chi ci vuole dipingere così ha sbagliato. Vedremo, se ci sono stati errori, che iniziative assumere, ma sono cose lontane nel tempo, meritano meditazione e distacco". Così l'avvocato di Raffaele Sollecito, Giulia Bongiorno, alla conferenza stampa a Roma dopo la sentenza della Corte di Cassazione che lo ha definitivamente assolto per l'omicidio di Meredith Kercher dove ha spiegato che nei prossimi giorni valuteranno se ci sono i presupposti per un'azione di risarcimento.