Rimini (TMNews) - Cinque persone in manette e 37 milioni di euro in beni mobili e immobili sotto sequestro: sono i numeri dell'operazione compiuta dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini, in collaborazione con personale dell'Agenzia delle Dogane. Sgominata un'organizzazione criminale che commetteva frodi fiscali su tutto il territorio nazionale e nella Repubblica di San Marino. In particolare i fermati vendevano e acquistavano merce attraverso il cosiddetto "carosello fiscale", che prevede il transito dei beni da ditte italiane a soggetti giuridici esteri e, successivamente, il ritorno a più aziende italiane. Lo scopo era di interporre tra i venditori e i reali acquirenti delle società fittizie, cosiddette "cartiere", intestate a prestanomi sia italiani sia stranieri, e non versare l'Iva dovuta allo Stato.In tutto gli indagati sono 27. Il patrimonio sequestrato invece, comprende: 7 ditte individuali, quote sociali di 47 società, 30 tra autovetture e motocicli, strumenti finanziari e somme di denaro liquido, 30 immobili e 17 terreni ubicati in varie province d'Italia.