Roma, (askanews) - Terzo giorno di visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in Etiopia. Il capo dello Stato si è trasferito a Gambella per visitare il campo rifugiati di Teirkidi/Kule, al confine con il Sud Sudan, che accoglie circa 55.000 sud-sudanesi e dove è stato realizzato un sistema idrico con i fondi della Cooperazione Italiana allo Sviluppo.Da Gambella Mattarella si è poi spostato a Lalibela, nel nord dell'Etiopia, dove ha visitato il sito delle Chiese rupestri, dichiarate Patrimonio dell'Unesco."Attraversare il campo rafforza il senso di solidarietà nei confronti di chi si trova a vivere qui perchè fuggito dalla violenza e dal grave pericolo di morte che la guerra comporta - ha detto Mattarella - rafforza anche il senso di apprezzamento nei confronti dell'Etiopia che in questo campo e in altri accoglie oltre 800mila profughi".