Scandicci (askanews) - Dopo il volo di linea per andare a Palermo, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto parlare ancora di sè per il mezzo di trasporto scelto, questa volta per la sua visita in Toscana. Mattarella è arrivato in treno a FIrenze e da qui ha preso il tram fino a Scandicci dove ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell'anno formativo della Scuola superiore della magistratura a Villa Castelpulci. "Va apprezzata l'attenzione che la scuola riserva alle riforme legislative in atto e alle strategie organizzative volte al recupero di efficienza, necessario per rispondere al bisogno di legalità fortemente avvertito nel nostro Paese", ha detto. Un bisogno a cui i magistrati devono rispondere con il loro fondamentale compito "nè di protagonista nè di burocratico amministratore di giustizia". "L'ordinamento della repubblica esige che il magistrato sappia coniugare equità e imparzialità fornendo una risposta di giustizia tempestiva per essere efficace.Il Presidente poi, accompagnato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, ripetendo il percorso dell'andata, ha ripreso prima il tram e poi il treno per rientrare a Roma.