Roma, (askanews) - Matt Damon è tornato Jason Bourne, uno dei suoi personaggi più famosi e amati, interpretati per un'intera adrenalinica trilogia dal 2002 al 2007. Dopo la parentesi di "The Bourne Legacy" del 2012 con Jeremy Renner nei panni dell'agente speciale, Damon si sta godendo il ritorno "alle origini" promuovendo il nuovo film diretto ancora una volta da Paul Greengrass, e in cui il più pericoloso ex-agente della Cia è costretto ad uscire dall'ombra, in giro per il mondo. In Italia il film, il quinto della saga, arriverà il primo settembre.

Durante la premiere a Seul, dove uscirà nelle sale a fine luglio, Damon non ha nascosto il suo entusiasmo.

"E' davvero eccitante tornare a interpretare questo personaggio - ha detto - lo amo davvero, e ha avuto un forte impatto sulla mia vita e sulla mia carriera. Certo però che essere Jason Bourne a 45 anni è molto più difficile che esserlo quando ne hai 29".

"Anche correre diventa più difficile. Devi cercare di farlo più veloce che puoi, e devi essere anche in forma, insomma tutte queste cose qui. Quindi per me tornare a questo ruolo è stata anche una sfida".

Con lui questa volta ci sarà Alicia Vikander.

"Matt è un attore incredibile, lo ammiro fin da quando ero piccola, è famoso per essere bravo e bello ma voglio dirvi che è anche incredibilmente divertente".