Roma, (askanews) - In Mozambico, circa la metà delle ragazzine sono sposate prima dei 18 anni. Nella provincia di Inhambane, nel sud, l'Unicef ha lanciato un programma e lavora con i servizi locali che si occupano della protezione dell'infanzia, per sensibilizzare la popolazione contro i matrimoni precoci."Un ragazzo è venuto qui per scegliere una ragazza e ha scelto me", dice questa ragazzina, Lucia Felix, di appena 15 anni, incinta di 8 mesi."Ho 17 anni. Mio figlio si chiama Eclercio e ha 10 mesi - racconta Cidalia, una giovane mamma di 17 anni - Quando sono entrata in casa di mio marito mi ha messo incinta e poi è partito per il Sudafrica. Dove è rimasto".Il tema dei matrimoni precoci, secondo una tradizione africana, sarà al centro di un primo colloquio dell'Unione africana il 26 e 27 novembre, a Lusaka, in Zambia, in presenza dei ministri dell'Unione africana e i rappresentanti di Ong e delle agenzie delle Nazioni Unite.Il matrimonio in Mozambico è legale a partire dai 18 anni, 16 se c'è il consenso dei genitori. Ma molte ragazzine si ritrovano sposate per tradizione prima della maggiore età, a volte anche prima dei 15 anni, restando subito incinte. Secondo un censimento del 2011, il 14,3% delle ragazze resta incinta prima dei 16 anni.