Motivi diplomatici fanno propendere per no, governo riflette