Roma, (askanews) - "Io mi chiedo perché in questo momento, di fronte aun sindaco che ostinatamente e orgogliosamente chiede un confronto in modo trasparente nella sede deputata dalla democrazia, le forze politiche usano ogni strumento possibile anche burocratico, come le dimissioni di massa di consiglieri per impedire un confronto dove ci si guarda negli occhi e il sindaco spiega le sue ragioni". Lo ha detto il sindaco di Roma Ignazio Marino, parlando a Roma all'Auditorium parco della Musica, dopo il ritiro delle sue dimissioni, ribadendo la volontà di voler riferire in Consiglio comunale e spiegare cosa è successo."Per far decadere il Consiglio serve la maggioranza più uno, quindi diverse forze politiche che si alleino e impediscano al sindaco della Capitale di presentarsi in modo trasparente in aula a spiegare le sue ragioni" ha proseguito Marino."Se c'è una tale e determinata ostinazione che porta a chiamare i consiglieri a persuaderli a sottrarsi al confronto, ci sarà un motivo che a me però sfugge".