Parigi (TMNews) - Le lacrime in tv di Jerome Lavrilleux, vice direttore della campagna presidenziale 2012 di Nicolas Sarkozy, minacciano di distruggere l'Ump, il partito sino a ieri egemone del centrodestra francese.Lavrilleux ha ammesso "anomalie" nel finanziamento della campagna. Le ammissioni giungono dopo le perquisizioni della polizia negli uffici del partito a seguito delle accuse di Bygmalion, la società di eventi e comunicazione secondo cui l'Ump avrebbe chiesto fatture false per coprire l'esplosione dei costi della campagna ben oltre il tetto previsto dalla legge.Lo scandalo ha scatenato la polemica politica. Tra le critiche più accese quelle della trionfatrice delle ultime Europee, Marine Le Pen, che con il suo Front National cerca di scalzare definitivamente il dominio dell'Ump nel centrodestra transalpino."Oggi, se i fatti verranno confermati e credo che gli elementi siano estremamente seri dopo le confessioni prima di Bygmalion e poi di Lavrilleux, si può affermare che Nicolas Sarkozy è un personaggio ormai squalificato".Lo scandalo sembra tarpare le ali dell'ex presidente per una candidatura Ump alle prossime presidenziali. Anche se Sarkozy respinge ogni accusa."23 milioni di euro di spese supplementari, rincara Marine Le Pen. Che nessuno mi venga a dire che non erano al corrente di nulla né il vertice dell'Ump né il candidato. È impossibile".La campagna per le prossime presidenziali, all'interno del centrodestra, sembra giù partita."Se i fatti verranno confermati, ciò vuol dire che Sarkozy ha barato, che la regolarità delle elezioni è in discussione, che la legittimità del primo turno è in discussione. È uno scandalo".(Immagini Afp)