Roma, (askanews) - Premiato ai Nastri d'argento anche l'attore Marco d'Amore per il film "Un posto sicuro". Un riconoscimento intitolato "Nastri dei 70 anni", premio legato a un forte impegno nell'attualità, in questo caso sulla vicenda Eternit di Casale Monferrato:

"Ma innanzitutto sorpreso, è una notizia totalmente inaspettata, tra l'altro il film aveva già goduto di due nomination ai nastri per miglior soggetto e produttore, fantasticavo sulla possibilità di uno di questi due premi, invece questo li racchiude un po' tutti, perché sostanzialmente è dedicato al lavoro che abbiamo fatto, di cui io sono semplicemente rappresentante", spiega "Ciro" della serie tv Gomorra.

"Questo film ha goduto di un certo tipo di visibilità soprattutto grazie alla mia esposizione. Però sono quasi 15 anni che io e Francesco Ghiaccio lavoriamo su questo solco e senza alcun dubbio proseguiremo su questa strada", aggiunge.

"Stiamo lavorando al nostro secondo, che rispetto al tema e al linguaggio che proporrà sarà molto diverso di 'Un posto sicuro', ma affronterà comunque un tema molto delicato e importante", conclude.