Roma, (askanews) - Più di 250 chilometri tra le dune del deserto del Sahara marocchino sotto un sole rovente. E' la "Maratona delle sabbie", una delle gare più impegnative al mondo, giunta alla sua 31esima edizione. In centinaia vi prendono parte ogni anno, nonostante non sia una competizione per tutti: non basta essere allenati, bisogna affrontare condizioni estreme e sopportare temperature che arrivano anche ai 50 gradi.La gara dura circa una settimana e chi vi partecipa deve pensare alla propria autosufficienza, portarsi cibo e tutto il necessario nello zaino. Ci sono tappe giornaliere e un solo giorno di riposo dopo la giornata più impegnativa. E' come una prova di sopravvivenza.Il direttore Patrick Bauer: "L'edizione di quest'anno è la più lunga di sempre, più di 257 chilometri". "E' dura, queste dune sono davvero alte, non ce ne sono di piccole".Le difficoltà però non scoraggiano i centinaia che ogni anno vogliono mettersi alla prova, donne comprese:"Ho iniziato a interessarmi a questa maratona lo scorso anno - racconta un'atleta francese - mi è sembrata una corsa un po' folle ma avevo bisogno di provare qualcosa di nuovo ed eccomi qui".