Strasburgo (askanews) - Strasburgo (askanews) - Il Parlamento europeo, in sessione plenaria a Strasburgo, ha approvato a maggioranza una risoluzione sul caso dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri di marina italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiati per pirati il 15 febbraio 2012 al largo dell'India sud-occidentale.Il Parlamento europeo, "auspica che, alla luce delle posizioni assunte dall'Italia, in quanto Stato membro, in relazione agli eventi collegati all'incidente, la competenza giurisdizionale sia attribuita alle autorità italiane e/o a un arbitraggio internazionale".L'Assemblea di Strasburgo ha espresso grande preoccupazione per la detenzione dei fucilieri italiani senza l'ufficializzazione di capi d'imputazione, ha posto l'accento sul fatto che i due marò devono essere rimpatriati e ha sottolineato come i lunghi ritardi e le restrizioni alla libertà di movimento dei due fucilieri siano inaccettabili e rappresentino una grave violazione dei diritti umani.Gli eurodeputati chiedono all'Alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza comune, Federica Mogherini, di intraprendere ogni azione necessaria per proteggere i due fucilieri italiani ai fini del raggiungimento di una soluzione rapida e soddisfacente del caso.L'Europarlamento, infine, ricorda che i diritti e la sicurezza dei cittadini dell'Ue nei paesi terzi dovrebbero essere salvaguardati dalla rappresentanza diplomatica dell'Unione, la quale dovrebbe operare attivamente per la difesa dei diritti fondamentali dei cittadini della Ue detenuti in un Paese terzo.