Le novità per il mondo dell'agricoltura contenute nella legge di bilancio vanno dai distretti del cibo all'esonero contributivo per tre anni per gli imprenditori agricoli sotto i 40 anni che si iscriveranno per la prima volta nel 2018 alla previdenza agricola. Passando per la stabilizzazione dei precari del Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria. Introdotto anche l'istituto del contratto di affiancamento tra chi ha fra i 18 e i 40 anni e gli imprenditori agricoli o coltivatori diretti over 65 o pensionati. Contratto che prevede anche un accesso prioritario ai mutui agevolati per gli investimenti