Palermo (TMNews) - L'ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, è stato condannato a 6 anni e 8 mesi nell'ambito del processo, svolto col rito abbreviato, che lo vedeva imputato per concorso esterno in associazione mafiosa e voto si scambio aggravato. Per l'ex presidente della Regione, decisa anche l'interdizione dai pubblici uffici. Lombardo è stato invece assolto dal secondo capo d'imputazione, ovvero il voto di scambio aggravato.La vicenda che ha coinvolto Lombardo è scoppiata nel 2010, ed è uno stralcio dell'indagine "Ibis" dei carabinieri del Ros di Catania incentrata su presunti rapporti tra ambienti di Cosa nostra, politica e imprenditoria. L'ex presidente della Regione si è sempre proclamato innocente.