Antananarivo (TMNews) - In Madagascar l'ex ministro delle Finanze Hery Rajaonarimampianina ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali. Il candidato, 55 anni, era sostenuto dal presidente uscente Andry Rajoelina che aveva rovesciato il suo predecessore Marc Ravalomanana nel 2009 a seguito di un colpo di Stato.Secondo la commissione elettorale il neo presidente avrebbe ottenuto il 53,5% dei suffragi ma la conferma della sua vittoria dipende ora dalla decisione della Corte incaricata di esaminare il ricorso del candidato battuto, Robinson Jean-Louis, che chiede l'annullamento del voto a causa di frodi e irregolarità amministrative nel corso delle votazioni. I magistrati hanno quindici giorni di tempo per fare conoscere le loro decisioni.Il Madagascar, una volta risolta il contenzioso elettorale, ha di fronte a sé la priorità assoluta di uscire dalla gravissima crisi politico-economica innescata dal colpo di Stato del 2009.La crescita del Paese è stata nulla dal 2009 al 2013 mentre aveva segnato una media del 5% prima della crisi. Il reddito pro capite è precipitato ai livelli del 2001 con oltre il 92% dei malgasci che vive con meno di due dollari al giorno.Ma gli strascichi legati alle presidenziali non lasciano intravedere un percorso rapido e senza ostacoli. A voler essere ottimisti.(Immagini Afp)