Roma, (askanews) - Migliaia di migranti, per la maggior parte siriani, ma anche molti provenienti da Pakistan, Iraq e Bangladesh, stanno cercando di raggiungere il Nord Europa dopo aver oltrepassato la frontiera tra la Grecia e la Macedonia, rimasta chiusa per giorni.Le autorità macedoni, che avevano tentato di bloccare il flusso di migranti, hanno poi ceduto. In molti sono già arrivati in Serbia anche agevolati dai pullman, bus e treni messi a disposizione. I migranti cercano di proseguire il loro viaggio verso Belgrado e il Nord della Serbia, per poi raggiungere l'Ungheria, paese membro dell'Unione europea, tra loro ci sono molte donne e bambini.Ieri, intanto, sono stati circa 4.400 i migranti salvatidopo numerose richieste di soccorso pervenute alla Centrale operativa della Guardia costiera a Roma. Viaggiavano a bordo di gommoni e barconi in difficoltà al largo delle coste libiche. Ed è in arrivo al porto di Palermo un'altra nave con oltre 500 migranti salvati nel Canale di Sicilia.La cancelliera tedesca Angela Merkel farà a Berlino il punto con presidente francese Francois Hollande sulla crisi dei rifugiati in Europa. E il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, con un lungo intervento sul quotidiano tedesco "Die Welt", ha puntato il dito contro quei "politici di estrema destra e sinistra che alimentano un populismo che produce astio soltanto e nessuna soluzione", ha chiesto più collaborazione in Europa e ha detto un fermo no a qualsiasi muro contro i profughi.(Immagini: Afp)