Louisiana, (TMNews) - All'inizio la Terra li risucchiava lentamente, poi sempre più velocemente fino a che i cipressi sono completamente scomparsi nel sottosuolo. Non è una scena da film di fantascienza ma quello che è accaduto in Louisiana, alla Assumption Parish, un distretto a sud della capitale.Dietro questo episodio, che ha costretto 150 famiglie a lasciare le proprie case, non c'è la natura ma la mano dell'uomo. Le attività estrattive hanno infatti provocato il collasso della cupola salifera sottostante, facendo aprire una voragine grande quanto circa 20 campi da calcio.In questa zona fino al 2011 aveva lavorato la Texas Brine, società mineraria contro la quale lo Stato della Louisiana ha già intentato una causa. Quando due anni fa ha terminato le attività ha detto di aver sigillato la caverna. Ma dall'anno successivo i residenti hanno cominciato ad avvertire segnali di cedimento. Fino a questa grossa implosione che le autorità temono possa raddoppiare nelle dimensioni. Purtroppo però sembra ci sia poco da fare: solo la natura potrà stabilizzarla.