Rho (askanews) - "È molto difficile spiegare quelle che sono le procedure del dibattito all'interno dell'Organizzazione mondiale della Sanità, siamo in una fase di studi preliminari, non siamo in una fase di raccomandazioni e intanto bisogna leggere molto bene il testo, che parla di diversi tipi di componenti all'interno delle carni processate. Noi abbiamo un sistema industriale tra i più avanzati del mondo e un sistema di componenti che inseriamo all'interno dei cibi molto controllato, noi abbiamo un regime più ristretto e penso al sale e ad altre misure". Così, da Expo dove è intervenuta al convegno "Nutrire il pianeta, nutrirlo in salute", il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha commentato l'allarme dell'Oms sulle carni rosse."Come ministero della Salute - ha aggiunto Lorenzin - diciamo che la dieta mediterranea è la dieta che ci fa stare tutti bene. Comprende un corretto uso dei carboidrati, i legumi, la frutta e la verdura fresche, le carni fresche e il pesce in grande quantità: tutto consumato con equilibrio, senza esagerare, e questo è il buon senso. Dopodiché sull'utilizzo dei vari tipi di cibo, c'è un grosso dibattito a livello internazionale, i nostri uffici lo stanno seguendo e anche il mondo della ricerca italiana è attivo. Ma credo che i titoli che sono stati dati siano stati eccessivamente allarmistici, non dobbiamo creare allarmismo tra i cittadini, dobbiamo invece proporre una educazione all'alimentazione che tra l'altro è dentro alla nostra cultura".