Londra (askanews) - L'omicidio di Alexander Litvinenko è stato probabilmente approvato dal presidente russo, Vladimir Putin. A dirlo è l'Alta corte di Londra al termine di un'indagine sulla morte dell'ex spia russa, avvelenato con il polonio, una sostanza altamente radioattiva. "È stato probabilmente approvato da Patrushev e dal presidente Putin", dice Robert Owen, presidente dell'Alta Corte.Nikolai Patrushev all'epoca era capo del Fsb, agenzia che ha preso il posto del Kgb, e dal 2008 segretario del Consiglio per la sicurezza russo. Litvinenko fu avvelenato nel 2006 in un hotel di Londra con una tazza di tè che conteneva del polonio-210, un isotopo radioattivo estremamente costoso.Mosca ha reagito accusando di scarsa trasparenza l'inchiesta. "Non avevamo alcuna ragione di ritenere che i risultati finali di un processo politicamente motivato ed estremamente non trasparente sarebbero di colpo diventati obiettivi e non distorti", ha detto un portavoce del ministero degli Esteri.(Immagini Afp)