Roma, (askanews) - La 69ma edizione del Festival del film di Locarno ha reso omaggio all amatissima attrice italiana Stefania Sandrelli che quest anno ha festeggiato i 55 anni di carriera e le sue "70 volte primavera". Ad accoglierla in una gremitissima piazza Grande il direttore artistico Carlo Chatrian, a consegnarle il premio "Leopard Club Award" Rolando Benedict, presidente del Leopard Club.

"Questi premioni alla mia carrierona nel mio compleannone non li sento enfatici, li sento abbastanza meritati, non vorrei apparire arrogante o presuntuosa - racconta in un'intervista a margine, sottolineando - E' un premio tutto tuo, non c'è uno che vince, uno che perde. Non c'è competizione. E' tutto tuo, vuol dire che hai fatto bene. Me lo fa sentire un premio affettuoso".

Stefania Sandrelli ha lavorato a fianco dei più famosi attori e registi italiani e non. Una diva a suo agio tanto nel cinema d autore quanto in quello popolare, in ruoli tragici come in quelli più leggeri. Come si sente oggi:

"Un po' più grande, però anche più matura - dice, rivelando - mi amo più adesso di prima, prima ero un po' troppo, tutto per gli altri, adesso invece sono anche un po' per me stessa".

Dice di non essere nostalgica e di non amare le retrospettive. Oggi vorrebbe lavorare con... "Vorrei lavorare con uno con cui non ho mai lavorato, sono molto volitiva: Tony Hopkins", confida.