Palermo (askanews) - E' grande il dolore in casa di Giovanni Lo Porto, il cooperante palermitano ucciso in un raid americano in Afghanistan. La madre dell'uomo, Giusi, è chiusa nella sua disperazione e solo la cognata trova la forza per scambiare qualche parola con i cronisti. "Non sono momenti in cui fare domande e avere risposte. Proviamo dolore - ha detto - Non stiamo passando un bel momento".Sulla tragedia, si è espresso anche il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, che ha voluto manifestare vicinanza alla famiglia del cooperante. "Ovviamente c è tutto il nostro dolore come popolo siciliano attorno a questa vicenda che riguarda un nostro corregionale. Un uomo di valore, di talento, impegnato nella politica di solidarietà. Questo ce la dice lunga su cosa siano le guerre fatte in quel modo", ha concluso.