Genova (askanews) - La candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Liguria, Raffaella Paita, con alcuni candidati consiglieri alle regionali, ha ripulito la saracinesca del circolo Pd del centro storico di Genova, imbrattata da antagonisti la notte del primo maggio.I vandali, con una bomboletta spray di colore rosso, avevano scritto sul portone del circolo "1 maggio Renzi trema, attacchiamo i quartieri dei ricchi", con un chiaro riferimento alle devastazioni e ai disordini di venerdì scorso nel centro di Milano durante la grande manifestazione contro l'Expo."Non c'è ospitalità per idee violente - ha detto - noi chiediamo il rispetto e soprattutto il fatto che , se ghanno delle idee, dei contenuti, li esprimano in modo democratico non attraverso la spraffazione delle idee degli altri. Questa per noi è civiltà".Per ripulire la serranda del circolo, che negli ultimi anni era già stato preso di mira più volte dai vandali, Paita ha utilizzato spugnette e solventi come i cittadini milanesi scesi in piazza per cancellare dai muri del centro le scritte dei black-bloc."Come in quel caso i cittadini di Milano, si sono rimboccati le maniche e hanno immediatamente e lavorato per ripristinare onore e orgoglio al loro territorio, noi facciamo qui con un partito che merita il rispetto di tutto e che sta provando a cambiare il Paese e la Liguria e non vuole essere offeso da chi non ha il rispetto delle idee e dei contenuti degli altri".