Il caso scoppiato a marzo nella Asl di Avellino