Parma (askanews) - Sono cittadini italiani, ma non residenti a Parma, i quattro dipendenti dell'impresa di costruzione Bonatti rapiti in Libia, nei pressi del compound dell'Eni nella zona di Mellitah. Lo ha confermato il sindaco del capoluogo emiliano, Federico Pizzarotti, in contatto con l'azienda di via Nobel, nella zona industriale della città."Non sono di Parma, ma sono cittadini italiani" ha spiegato ad Askanews Pizzarotti. "Sono in contatto con l'azienda - ha precisato - se serve qualcosa "rimango a disposizione". Ma "essendo un caso nazionale non c'è bisogno di troppi interlocutori. Volevo solo essere aggiornato e dare la mia solidarietà alla famiglia e all'azienda che deve gestire" questa emergenza.La Bonatti, ha spiegato ancora il primo cittadino "è un'azienda importante del nostro territorio, li ho contattati per sincerarmi" della situazione e avere ulteriori "informazioni".