Milano (askanews) - Milano è chiamata a scegliere un nuovo sindaco nei prossimi mesi. A lui la responsabilità di affrontare la sfida di una città che, soprattutto dopo Expo, punta sempre più a competere a livello internazionale. Di questo abbiamo parlato con Daniel Libeskind, che Milano racconta, dal suo punto di vista, di cosa ha bisogno la città del ventunesimo secolo."Milano ha bisogno di decisioni intelligenti per avere per esempio aria pulita, per dare il diritto alla casa a tutti, per creare grandi architetture. Il nuovo sindaco deve avere una visione che renda Milano competitiva con le altre città nel mondo. La competizione oggi non è più tra nazioni ma tra città, Milano verso Berlino, Parigi, Londra e le altre città del mondo. Il prossimo sindaco dovrà essere fantasioso, intraprendente, deve mettere Milano in competizione con le altre città, è la vera fonte per la sopravvivenza della città stessa".