Madrid, (TMNews) - Enrico Letta, in trasferta in Spagna per il bilaterale con Mariano Rajoy, usa toni preoccupati sul futuro dell'Unione europea. Il suo auspicio è quello di un'Europa materna e non matrigna, che non fomenti la crescita di movimenti antieuropei. Il suo chiodo fisso è la disoccupazione soprattutto quella giovanile, tema chiave per traghettare il Vecchio Continente fuori dalla crisi."Uno su tre dei giovani non lavora: è una cosa impossibili, la lotta alla disoccupazione giovanile deve essere l'ossessione di noi, capi di governo".Il timore che crescano sacche di protesta anti-europee è forte. Per questo Letta preme sull'acceleratore anche su decisioni già prese ma rimaste per ora inapplicate:"Non è possibile che l'Europa decida l'Unione bancaria e poi nulla di quelle decisioni venga applicato. Questa Europa non è più credibile per i cittadini. Quindi giugno deve essere il consiglio che applica concretamente quella decisione".Per Mariano Rajoy, che vanta rapporti di solida amicizia con premier italiano, occorre che l'Europa si impegni sul fronte della crescitaLe riforme nazionali devono essere accompagnate da riforme dell'Unione europea volte a stimolare la crescita. Tutti noi come Paesi-membri dobbiamo fare il nostro dovere. Ma l'Europa deve fare di più".(Immagini Afp)