Roma, (TMNews) - "Siamo in uno stato di diritto, non ci sono persecuzioni". Il premier Enrico Letta, commenta con queste parole le accuse alla magistratura lanciate da Silvio Berlusconi. "Sarebbe paradossale - ha aggiunto - se nel momento in cui presentiamo un piano per l'attrazione degli investimenti passasse il messaggio che l'Italia è un paese in cui lo Stato di diritto non funziona", dice rispondendo ad una domanda durante la conferenza stampa di presentazione del piano Destinazione Italia.