Roma, (askanews) - Il ministero della Difesa russo ha diffuso le prime immagini satellitari dei bombardamenti aerei in Siria.L'aviazione russa ha condotto i primi raid aerei mercoledì su richiesta del presidente Bashar al Assad, un intervento militare che ha sollevato sospetti da parte degli Usa e altre cancellerie occidentali, secondo le quali i russi non avrebbero preso di mira obiettivi dello Stato islamico, ma postazioni del fronte ribelle dell'opposizione siriana.Parlando a New York dopo un nuovo incontro con il collegastatunitense John Kerry, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato "infondate" tali accuse: "Tutti noi vogliamo una Siria democratica, unita e laica. La Siria è casa di tutti i gruppi etnici e religiosi, i cui diritti sono garantiti, ma abbiamo qualche divergenza sui dettagli di come arrivarci", ha detto Lavrov.Da parte sua Kerry ha usato parole dure che sottolineano la tensione fra i due paesi: "Trasmetto e ribadisco le preoccupazioni che ho espresso durante la riunione Onu condotta oggi dalla Russia. Preoccupazioni che ovviamente abbiamo riguardo la natura degli obiettivi, il tipo di obiettivi e la necessità di chiarezza in merito. Una cosa è colpire l'Isis, siamo preoccupati che non sia così", ha concluso il segretario di Stato Usa.(immagini Afp)