Rimini, (askanews) - Tra selfie, pacche sulle spalle e urla di incoraggiamento il popolo di Cl ha riservato un'accoglienza calorosa al premier Matteo Renzi. Per la prima volta alla kermesse di Rimini, dopo che lo scorso anno aveva dato forfait, Renzi è stato salutato con applausi e svariati inviti ad "andare avanti" e a "tenere duro".Il presidente del Consiglio ha visitato i padiglioni della fiera riminese, prima lo stand della Regione Emilia-Romagna per panini e prosecco, poi la mostra "Opus Florentinum. Piazza del Duomo a Firenze tra fede, storia e arte".Il giro in fiera, interrotto varie volta alle richieste dei "nipoti di don Giussani" che gli chiedevano foto ricordo e una stretta di mano, è proseguito al padiglione di Federlegno. Sempre scortatissimo dai volontari della sicurezza del Meeting Cl e dalle forze dell'ordine, il premier si è diretto verso i "salottini" dove vengono accolti gli ospiti in arrivo alla kermesse dove ha incontrato una cinquantina di persone tra esponenti delle aziende sponsor del Meeting. Tra i commenti dei ciellini: "E' più facile avvicinarsi al papa che a Renzi". E ancora: "E' arrivato rain man", ironizzando sull'acquazzone caduto su Rimini proprio al suo arrivo.