Roma, (askanews) - Sono iniziate a Calais le operazione di sgombero di due zone della "Giungla", la zona di Calais che ospita circa 4mila migranti in attesa di raggiunge l'Inghilterra. Gru e trattori sono a lavoro per liberare l'area. Tra le 500 e le 700 persone saranno allontanate dall'area, considerata una vera e propria città parallela, con abitazioni, negozi e servizi, dai cinema agli internet point, che si trova a meno di un centinaio di metri dalla tangenziale che porta al porto di Calais.I lavori si svolgono sotto la sorveglianza della polizia francese e della Croce Rossa; i migranti assistono a distanza alla distruzione di quello che finora ha rappresentato il loro alloggio provvisorio. Queste due zone di sicurezza di 100 metri l'una dovranno così permettere alle forze dell'ordine di sorvegliare al meglio i migranti che escono dal campo, ed impedirne la fuga sulla via del mare.I migranti che verranno spostati avranno "diritto di accesso prioritario a un nuovo quartiere di container in un luogo non distante dalla giungla e che accoglierà a pieno regime circa 1.500 persone".Battezzato Centro di accoglienza provvisorio, il nuovo sito è completamente recintato e per entrare i migranti devono passare su uno scanner il palmo delle mani per il riconoscimento. Le autorità francesi hanno promesso di non registrare le impronte.