Roma, (askanews) - Un mitra che si frantuma in mano prima di sparare, un razzo che si spezza e un altro che cade a terra subito dopo il lancio. E persino una bomba che esplode in faccia a un uomo che l'ha appena innescata. Papere o scene quasi da candid camera, errori banali per dei combattenti ben addestrati che secondo la tv satellitare araba al Arabiya, che le ha diffuse in rete, sarebbero stati compiuti dai jihadisti dell'Isis.Immagini che mostrano gli incidenti militari dello Stato Islamico ma che il Califfato, per al Arabiya, nasconderebbe dietro la sua potente macchina propagandistica basata sul terrore e che farebbe pensare a gravi mancanze nella ferrea disciplina che l'organizzazione impone ai suoi adepti. Un video che - se fosse tutto vero - farebbe invece apparire ridicoli i tagliagola di Abu Bakra al Baghdadi.Immagini lontanissime da quelle ben studiate, tecnologiche e sapientemente montate, diffuse nei vari video che testimoniano uccisioni e fanno minacce, come quello del pilota giordano arso vivo il cui preludio all'esecuzione sembra il frutto dell'opera di un regista horror.