Milano (askanews) - Marte è più vicino. Dopo molteplici rinvii, il lancio di Orion è avvenuto con successo dalla base Nasa di Cape Canaveral. E' il primo volo sperimentale senza equipaggio della navetta che in futuro porterà gli astronauti oltre l'orbita terrestre, verso confini inesplorati. Le circa 4 ore e mezza di volo prima del rientro nell'atmosfera servono a testare lo scudo termico della capsula e il sistema di frenata con il paracadute necessario per consentire l'ammaraggio.Il volo che segna il ritorno in attività della Nasa con una proprio navetta dopo il pensionamento degli Shuttle nel 2011 è solo l'inizio di un grande progetto spaziale che ha come obiettivo finale lo sbarco su Marte, ma non prima del 2030. Fino ad allora è previsto un volo, sempre senza astronauti, intorno alla Luna nel 2018, poi il primo lancio con equipaggio nel 2021 e infine la missione più importante e ambiziosa: far arrivare l'uomo per la prima volta sul Pianeta rosso.