Dallas (askanews) - Lance Armstrong, sospeso a vita da ogni attività nel ciclismo nel 2012 e privato delle sette leggendarie vittorie nel Tour de France, è stato ora condannato a pagare 10 milioni di dollari, quasi 9 milioni di euro, a uno dei suoi ex sponsor, la Sca Promotions, dopo essere stato costretto ad ammettere l'uso di sostanze dopanti. Lo ha deciso la Corte di arbitrato del Texas.La Sca, un'azienda di Dallas che si occupa di promozione, inizialmente era stata condannata a pagare 7,5 milioni di dollari nel 2006 per non aver corrisposto ad Armstrong i pagamenti pattuiti in seguito ai successi conseguiti. Armstrong aveva ottenuto 4,5 milioni di dollari per le vittorie al Tour tra il 2001 e il 2003. Ma la Sca si era rifiutata di pagare i 5 milioni previsti per la vittoria nel 2004. Nel procedimento intentato all'azienda texana Armstrong aveva dichiarato di avere vinto senza fare uso di doping. Poi, quando nel 2013 l'atleta aveva dovuto fare marcia indietro sull'assunzione di sostanze dopanti, è stata la Sca a chiedere danni per 12 milioni. Oggi la decisione che ha condannato Armstrong per frode e cospirazione, avendo causato allo sponsor rilevanti danni d'immagine.La penale da 10 milioni di dollari è la più pesante sanzione pecunaria comminata a un singolo individuo nella storia giudiziaria americana, ha dichiarato l'azienda texana in una nota.(Immagini Afp)