Davos (askanews) - La crisi di migranti potrebbe compromettere il trattato di Schengen e la libera circolazione in Europa. Lo ha detto la direttrice del Fondo Monetario internazionale al Forum economico di Davos."Sulla crisi dei migranti o la va o la spacca, dalla mia personale prospettiva, non del fondo monetario internazionale". E alla domanda se si potesse dire "o la va o la spacca" anche per Schengen, Lagarde ha risposto di sì."Il punto di vista del fondo - ha poi sottolineato - è che se la crisi dei migranti è ben gestita, se il processo di integrazione è fatto in modo coeso e organizzato, ci sarà un rialzo. Noi pensiamo che per la zona euro ci sarà una crescita dello 0,2%, fino allo 0,5 in paesi come la Germania o la Svezia che hanno accolto più migranti di tutti.