Tacloban, (TMNews) - Nelle Filippine sta crescendo una nuova generazione, i bambini del tifone, nati mentre la pioggia e il vento flagellavano il Paese provocando oltre 5.000 morti. Sono loro il simbolo della rinascita per un Paese che deve andare avanti e cominciare a ricostruire, soprattutto a Tacloban dove la furia del tifone Haiyan si è abbattuta con più forza. La città da 220mila abitanti è stata cancellata, il 90% delle case è andato distrutto. Ora, con fatica e pochi mezzi si stanno rimettendo in piedi le strutture. L'approvvgionamento di acqua è già stato ripristinato, la rete telefonica migliora e ogni giorno aumenta la disponibilità di carburante, fondamentale soprattutto per trasportare gli aiuti dall'aeroporto in città."La luce dovrebbe tornare per Natale, così forse Tacloban si rialzerà".In tutto è stato calcolato che serviranno quasi 6 miliardi di dollari per ricostruire le zone distrutte.(Immagini Afp)