Roma, (askanews) - Lo riconoscete? E' il castello di Downton Abbey, la celeberrima serie tv che per sei stagioni ha tenuto col fiato sospeso gli amanti delle ricostruzioni storiche. Il suo vero nome è Highclere, e i suoi bellissimi giardini sono opera del più celebre giardiniere della storia d'Inghilterra, Lancelot Capability Brown, nato trecento anni orsono.Figlio di un fattore, Capability Brown divenne giardiniere di re Giorgio III e abbandonò la tradizione del giardino geometrico all'italiana per creare la moda del parco naturale.Gli rende omaggio Fiona Carnarvon, la proprietaria di Highclare Castle: "Capability Brown ha creato qualcosa come 170 parchi in Inghilterra. I suoi giardini hanno avuto una parte importante nella letteratura da Jane Austen a Evelyn Waugh, sono una parte essenziale del nostro patrimonio anche oggi".Scolpire, strutturare, modellare la natura fino a farla apparire perfettamente naturale: Brown reinventò la campagna inglese. Il parco di Highclere è punteggiato di cedri centenari, che Brown usò per aumentare l'effetto prospettico. Viali, collinette, prati, alberi e laghi, tutto progettato per il miglior effetto.Downton Abbey, con oltre 100 milioni di fan in 200 paesi, ha rivoluzionato la vita di Highclere Castle. Da 100 visitatori al giorno a 1.500 nei giorni di apertura. Un bell'aiuto per mantenere una magione come questa dove lavorano 140 persone fra i 15 e gli ottanta anni."Certo Downton Abbey ci ha aiutato molto" prosegue la proprietaria. "Per noi è questione di una storia di famiglia, di un senso dell'ordine e di appartenenza, è un modo per dare un senso alla vita e sostenere i valori in cui credi".Proprio una filosofia alla Downton Abbey. Anche nel parco si lavora: per gestire i prati, ci sono tre giardinieri e 18mila pecore.