Roma, (askanews) - Sotto l'ombra degli attentati di Parigi, la Turchia del contestato presidente Recep Tayyip Erdogan si prepara ad accogliere il 15 novembre il vertice del G20 a Antalya. L'incontro fra i venti paesi più ricchi del globo dovrebbe concentrarsi sul tentativo di avvicinare i punti di vista sulla Siria, la crisi dei migranti e il clima. Un'agenda che non può prescindere ora dagli attentati parigini, del resto strettamente legati alla guerra siriana.