Courbevoie, (TMNews) - Un passaggio preciso. Un gesto controllato al millimetro. Ihab Ayed gioca a hockey dall'età di 6 anni. 31 anni dopo ha lasciato il suo lavoro bene pagato nel cuore di Parigi per realizzare il suo sogno: mettere in campo la prima squadra tunisina di hockey su ghiaccio."L'hockey non è ancora un fenomeno mediatico da noi ma vanta giocatori di talento che vengono da tutto il mondo".In Tunisia non esistono palazzi del ghiaccio e per trovare una ventina di giocatori Ihab ha dovuto reclutarli via internet, giocando sulla doppia nazionalità. Per questo la squadra è un patchwork di nazionalità. Ma è isolata e senza fondi. I giocatori si sono dovuti pagare il viaggio per sbarcare in Francia e disputare la prima gara della storia dello sport tunisino a Courbevoie, nell' lle-de-France.Una mancanza di popolarità che dovrebbe invertire il trend con l'apertura del primo palazzo del ghiaccio tunisino nel 2015.Intanto, la prima partita di hockey della Tunisia si giocherà nel pieno dei campionati del mondo di calcio in Brasile. Ma è un rischio calcolato. "La Tunisia non si è qualificata, spiega convinto Ihab, e quindi spero che tutta l'attenzione si concentrerà sulla gara del 14 giugno quando si giocherà la prima Coppa del mondo di hockey tunisino".La partita verrà disputata contro la squadra locale di Courbevoie che milita nella Serie A francese. Per segnare, si spera, l'inizio di una storia non effimera.(Immagini Afp)