Tra gestione delle crisi industriali e valanghe di tweet per restare una carta per il prossimo governo