Rangoon, (TMNews) - I maratoneti sfrecciano veloci per le strade di Rangoon. Per la prima volta la capitale birmana ha ospitato una competizione internazionale ufficiale. Il graduale ritorno alla democrazia coinvolge anche lo sport. I tempi cambiano, ed ecco centinaia di corridori provenienti da tutto il mondo si sono riversati nelle strade che per molti anni sono state teatro della repressione dell'esercito contro la popolazione.La folla ha accompagnato la corsa e c'è stata una grade festa quando il ventenne birmano Thaung Aye ha tagliato il traguardo al terzo posto."Per noi è un grande onore poter dimostrare che Rangoon sta vivendo un momento storico di enormi cambiamenti in campo politico, economico e sociale", ha detto Serge Pun, co-organizzatore della maratona.La maratona anche una sorta di 'prova generale' prima dei Giochi asiatici del sud est, che dopo 44 anni, nel dicembre del 2014 si terranno in Birmana."E' stato bellissimo vincere in Birmania, prometto che l'anno prossimo tornerò a difendere il mio titolo, ha commentato il keniota Kariuki Gitau che è salito sul gradino più alto del podio.(Immagini Afp)