Milano (TMNews) - La Polonia commemora il 75esimo anniversario della Seconda Guerra Mondiale con uno sguardo preoccupato alla Russia: le truppe di Mosca la invasero settantacinque anni, all'inizio del conflitto, in seguito a un patto segreto con la Germania nazista, e oggi stanno facendo sentire in modo preoccupante tutto il loro peso nella vicina Ucraina.Nel corso delle cerimonie ufficiali il premier Donald Tusk, riferendosi a Mosca, ha più volte invitato l'Europa a ricordare il tragico insegnamento che la tragedia polacca del 1939 ha dato alla comunità internazionale, senza indulgere in ingenui ottimismi."Oggi - ha detto Tusk molto esplicitamente - guardando alla tragedia dell'Ucraina e a est del nostro continente, dobbiamo ribadire che quanto accadde nel settembre del 1939 non deve più ripetersi. Oggi abbiamo ancora tempo per fermare quelli che in Europa e nel mondo ostentano la violenza come arsenale da utilizzare nel loro agire politico".Poco dopo la mezzanotte del 1 settembre 1939, i nazisti cominciarono il bombardamento di Danzica scrivendo poi qui alcune della pagine più terribili dell sterminio degli ebrei. Il 17 settembre, dal fronte opposto, fu la volta dell'Armata rossa, che si macchiò - tra gli altri orrori - del massacro di Katyn, dove furono fucilati migliaia di ufficiali dell'esercito polacco caduti prigionieri.Nel corso della Seconda guerra mondiale morirono oltre sei milioni di polacchi, il 17 per cento della popolazione, tre milioni dei quali erano ebrei.