Milano, 15 set. (TMNews) - La prospettiva della fatica fisica non ha smorzato l'entusiasmo delle 30mila donne che si sono incontrate sotto la Torre Eiffel a Parigi per la 17esima edizione della Parisienne, la prima corsa 100% al femminile del mondo. Prima del via le partecipanti si sono lanciate in balli e coreografie nei toni del rosa, dal colore della magliette della manifestazione. Al via c'era anche la nuotatrice Laure Manadou con la maglietta rossa. Più che per il risultato e la prestazione agonistica, le donne partecipano alla corsa per stare insieme e per una buona causa: "Sono qui per la convivialità, ci si ritrova tutte insieme e per di più a Parigi, dato che noi veniamo da lontano, è bello"."Mi hanno detto che si correva per una buona causa, la lotta contro il cancro al seno, ho pensato che fosse divertente ed eccomi qua". Alla corsa partecipano anche i disabili."Sarà l'ambientazione, sarà il motivo, sarà che siamo tutte donne, è bello". La fatica è ripagata da un'atmosfera magica."Come tutti gli anni è dura, all'inizio e alla fine, ma data la mia età sono proprio soddisfatta del risultato".(immagini Afp)