Rho (askanews) - La sicurezza alimentare è una grande sfida per umanità, oltre che uno dei temi centrali di Expo Milano 2015: parola di Lawrence A. Friedl direttore dell'Applied Sciences Program della Earth Science Division della Nasa e protagonista di un incontro nel padiglione degli Stati Uniti sul tema "Making space for food" sul ruolo dei satelliti nell'agricoltura. "Sicurezza alimentare, disponibilità di acqua ovvero come ottenerla, i disastri naturali e in particolare le alluvioni": sono queste le emergenze che il pianeta Terra e chi lo abita si trovano ad affrontare secondo Friedl, a cui si aggiunge il tema della salute pubblica e delle malattie. "Uno dei temi che ci hanno attratto verso Expo è che la sicurezza alimentare è una delle grandi preoccupazioni e noi riconosciamo il fatto che le nostre osservazioni, siccome possiamo monitorare le acque, possono dare un grande contributo a chi può prendere quelle informazioni e utilizzarle per creare dei benefici per la società" ha detto. "Vogliamo aiutare il mondo a sapere che i satelliti possono dare un contributo quando producono informazioni che altri possono utilizzare e creare un mondo meno resistente sul tema del cibo e allo stesso tempo dare più sicurezza".Lo scienziato ha ricordato che la Nasa attualmente opera con 19 satelliti e metà sono direttamente legati all'acqua o possono essere usati per l'agricoltura."Se ci impegniamo e se facciamo scelte intelligenti siamo in tempo per salvare la Terra. Sicuramente abbiamo le informazioni e la volontà di applicarle per arrivare a degli accordi collettivi".Non c'è bisogno di andare lontano, magari in altri pianeti del Sistema solare, per trovare le risposte: "Abbiamo abbastanza acqua sulla Terra, il punto è come la utilizziamo, sicuramente c'è un interesse nei confronti di Marte, per capire la sua storia attraverso la presenza dell'acqua, ma se trovassimo l'acqua non sarebbe per portarla sulla Terra. La maggior parte dell'acqua è salata ma ce n'è comunque abbastanza" ha concluso Friedl.