Roma, (askanews) - Dopo due anni è finita l'epidemia di Ebola in Guinea, il Paese dell'Africa centroccidentale più di altri colpito da questo pericoloso virus, che ha causato qui almeno 2.500 morti. A dare l'annuncio ufficiale è stata l'Organizzazione mondiale della Sanità:"L'epidemia di Ebola nella Repubblica di Guinea è finita" ha dichiarato Mohamed Belhocine direttore dell'Oms per il Paese.L'ultima paziente dichiarata ufficialmente guarita a novembre e considerata l'ultimo caso nel Paese è stata Noubia, una bambina di poche settimane, nata con il virus, curata e tenuta ricoverata per precauzione a lungo, ma sopravvissuta, al contrario di sua madre. Da allora si sono dovuti attendere 42 giorni senza nessun nuovo caso di contagio, che corrispondono al periodo d'incubazione, per avere la certezza di aver debellato del tutto il virus.Soddisfatto il dottor Sakoba Keita, coordinatore nazionale della lotta contro il virus Ebola."Mai in Guinea, durante i miei 36 anni di servizio, abbiamo avuto bisogno di due anni per sconfiggere un'epidemia. E questa è senza precedenti, ha messo a dura prova il nostro paese, il nostro sistema sanitario e la nostra società, ma abbiamo vinto".In tutto il virus ha causato la morte di oltre 11mila persone, tra Guinea, Liberia e Sierra Leone, su quasi 29mila casi accertati. Prima della Guinea, a settembre la Liberia era stata dichiarata ufficialmente libera dal virus, e poche settimane dopo era toccato alla Sierra Leone.