Milano (askanews) - Quattro anni di guerra hanno spento l'83% delle luci in Siria. Il dato è emerso dall'analisi di alcune immagini satellitari effettuata dagli scienziati dell'Università di Wuhan in Cina, in collaborazione con "#WithSyria", coalizione di 130 organizzazioni umanitarie tra cui Save the Children.Dal marzo 2011 il numero delle luci visibili di notte in Siria si è ridotto fin quasi a scomparire del tutto in alcune zone. Dietro ad ogni luce spenta c'è una casa distrutta, un villaggio abbandonato, una famiglia in fuga o spezzata per sempre. Il dato fotografa una volta di più la devastazione in corso in Siria, in cui dall'inzio della crisi sono morte 200mila persone, mentre in 11 milioni hanno dovuto abbandonare le loro case.I più colpiti, come sempre, sono i bambini, il cui dramma è al centro del video "Afraid of the Dark", diffuso da "WithSyria" insieme ad una petizione indirizzata ai leader mondiali, perché sia riaccesa la luce e la speranza nel paese precipitato nell'orrore.