Benevento (askanews) - Vino gratis per tutti, musica, canti, balli e lacrime di commozione. È andata in scena rispettando il più classico dei copioni la festa con la quale il neo-sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha voluto ringraziare i suoi concittadini per la fiducia accordatagli e, soprattutto per avergli concesso la possibilità di risorgere da quella sorta di oblio al quale sembrava condannato.

"È un rottamato che diventa rottamatore dei rottamatori. quindi una cosa che diventa anche sconvolgente da questo punto di vista", ha scherzato Mastella dal palco. A volte ritornano, insomma. E Mastella dalla ribalta di Benevento non ha perso tempo e si è affrettato a proiettare le mire verso un risorgimento tutt'altro che locale.

"Noi faremo un movimento politico - ha detto - che ci porterà a essere un riferimento, prima nella provincia di Benevento, poi a Caserta, poi in Campania e poi si vedrà per il resto d'Italia, perché ci sono tante confidenze amichevoli e politiche che vogliano attrezzarsi a fare qualcosa di diverso".

Sul palco anche i Cugini di Campagna che, per l'occasione, hanno rispolverato il loro classico "Anima mia" per fare gli auguri a Mastella che, tra l'altro, nelle stesse ore celebrava l'anniversario di matrimonio con la moglie, Sandra Lonardo.