Milano, (TMNews) - Si fanno chiamare "Syrian Electronic army" e si autodefnisicono "un gruppo di giovani siriani entusiasti che non possono rimanere indifferenti di fronte alle distorsioni dei fatti sulla guerra in Siria". Sono loro gli hacker dietro l'attacco all'account Twitter di Associated Press, una delle più prestigiosa agenzie di stampa internazionali. Il falso tweet "La casa Bianca è stata colpita e Obama ferito" partito dal profilo Ap, quasi 2 milioni di follower, ha scatenato immediatamente il caos sui mercati, facendo bruciare soldi veri, non virtuali.Il gruppo, che afferma di essere vicino al governo di Bashar al Assad, già in passato aveva portato a termine altri attacchi contro giganti dell'informazione come la National Public Radio, BBC e CBS News, Reuters e Al Jazeera. Non solo, gli hacker intervengono nel dibattito online inondando di commenti pro Assad i social network. Blitz mirati che fanno toccare con mano le conseguenze e i rischi della cyber guerra.